GabrielaAsofronieMi chiamo Gabriela e sono nata in Romania, in una famiglia di fede evangelica, con dei genitori che sin da piccola mi hanno insegnato a rispettare e a mettere in pratica la Parola di Dio e, non per ultimo, ad amare la comunione fraterna. Frequentavamo con regolarità le riunioni di culto della nostra comunità ed inoltre, tutte le sere ci radunavamo insieme nel salotto di casa per cantare qualche cantico, leggere la Parola di Dio e pregare insieme. Avevo solo undici anni quando Gesù chiamò in gloria mio padre in seguito ad un incidente automobilistico. La nostra vita cambiò a livello sentimentale ed economico, ma non spiritualmente: continuammo a confidare in Dio.
Anche se io non avevo ancora fatto un’esperienza personale con il Signore, notavo che l’Iddio nel quale avevano creduto i miei genitori, ci portava avanti giorno per giorno: non ho mai visto mia mamma disperata per il fatto di essere rimasta vedova con 8 figli a 43 anni. Potevamo contare sulla Sua provvidenza e non c’è mai mancato il necessario in quanto “Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora” (Salmo 68:5). Ma la gioia più grande la provai nel giugno del 2000, quando, in seguito alla domanda del pastore “se il Signore dovesse tornare adesso, tu dove andrai?”, chiesi al Signore di salvarmi e di aiutarmi a servirlo fedelmente per tutta la vita. Egli non tardò a farlo e, con un cuore pieno di gioia, il 27 Agosto dello stesso anno feci il battesimo in acqua e dopo sei mesi il Signore mi battezzò con lo Spirito Santo.
Sono passati quattordici anni da allora e posso dire che non mi sono mai pentita della scelta che ho fatto. Le prove, le sofferenze e le afflizioni non sono mancate, ma il Signore mi è sempre stato vicino. L’esperienza più profonda della mia vita l’ho vissuta l’anno scorso. Sono nata con una displasia d’anca e nonostante i sei interventi chirurgici fatti in passato, l’anca ha continuato a rovinarsi. I dolori erano diventati ormai troppo forti e frequenti. A causa di ciò, dopo una serie di accertamenti, i medici decisero che l’unica soluzione era la ricostruzione dell’anca con l’impianto di una protesi. Era passato troppo poco tempo dall’ultimo intervento (solo un anno) e quindi non mi sentivo pronta a subirne un altro. Decisi allora di pregare insieme a mio marito e chiesi al Signore di aiutarmi a superare quest’altra prova. Nel mese di ottobre subii questo intervento e dopo 24 ore iniziai già a sentire i dolori post-operatori, che erano molto più forti di quelli precedenti. Per due settimane non riuscii a scendere dal letto e, quando feci i primi passi, rimasi scioccata da quello che sentii nel mio corpo: un rumore molto strano e un oggetto che si muoveva dentro l’anca trascinando la gamba. Provai ad ignorare il tutto, ma senza successo. A quel punto, dopo ore ed ore di pianto, chiesi al Signore di non permettere che crollassi anche psicologicamente e che venisse in mio soccorso come aveva sempre fatto. La mattina dopo mi svegliai e mi resi conto che fisicamente mi sentivo molto meglio. La gamba iniziava ad accettare il corpo estraneo che mi avevano impiantato. Miglioravo giorno per giorno. Nonostante ciò, c’era ancora una cosa che mi abbatteva e non riuscivo ad accettare: quel rumore nell’anca che sentivo ad ogni passo. Ancora una volta mi rivolsi a Dio e con una preghiera breve e fiduciosa chiesi: “Signore sei l’Unico che mi può aiutare, fai che già da domani mattina quando scenderò dal letto non senta più questo fastidio”. La mattina dopo mi svegliai e non sentii più alcun rumore, perché il Signore fece in me per come è scritto: “la preghiera della fede salverà il malato e il Signore lo ristabilirà” (Giacomo 5:15). Gloria a Dio!
Ancora sto sottoponendomi a fisioterapie per riprendermi del tutto, ma giorno per giorno sento la Sua mano potente all’opera nella mia vita, nella mia famiglia: “Il Signore è il mio pastore, nulla mi manca.” (Salmo 23:1). Quello che ho raccontato qui e solo una minima parte di tutto quello che Dio ha fatto nella mia vita ed Egli può farlo anche in tutti quelli che lo accettano come personale Salvatore.

Chiesa Cristiana Evangelica Aprilia - Nettuno
Assemblee di Dio in Italia | Copyright © 2015
Su
Seguici su:
webdesign: Giovanni De Salvo