La nostra storia

Breve cronistoria dell’Opera di Dio in Aprilia

Dedicazione Coro

Attraverso le testimonianze dei fratelli più anziani, cercheremo di ricostruire la storia e gli avvenimenti che hanno caratterizzato l’Opera di Dio ad Aprilia (LT). La motivazione non è certamente il voler innalzare degli uomini piuttosto che altri, ma, piuttosto il desiderio di ripercorrere fatti passati, contraddistinti sempre dall’aiuto di Dio.

Erano i primi anni ’50 quando una coppia di sposini si trasferirono da Monte San Biagio (LT) ad Aprilia. Alcuni credenti della chiesa di Monte San Biagio fecero visita a questa coppia il cui cognome era Trani (Andrea e Loreta). Parlarono loro di Gesù e il messaggio fu accolto, ma visto che la famiglia era cresciuta (quattro figli piccoli), raccontano, non poterono approfondire. Dopo qualche tempo il fratello Davide Praticò venendo a sapere di questa coppia se ne interessò (egli curava le chiesa di Cisterna di Latina e Latina), facendo loro delle visite insieme ad altri credenti. La sorella Loreta accettò Gesù e nel 1960 fece il battesimo in acqua nella chiesa di Fondi (LT). Questa fu la prima famiglia salvata ad Aprilia.

Allora non c’era ancora una chiesa dove potersi riunire, ma dopo qualche anno alcuni credenti provenienti da Napoli si trasferirono nella cittadina. Iniziarono delle riunioni in casa del fratello Salvatore Battista ed in seguito, nel 1968 fu affittato il primo locale di culto della nascente comunità di Aprilia in Via Meucci. Fin dai primi culti in casa la cura della comunità era passata al fratello Enrico Fragnito. Col passare degli anni la chiesa crebbe e il fratello Enrico Fragnito, insieme al consiglio di chiesa e a tutti i credenti, decisero di acquistare un terreno per la costruzione di un locale più ampio. Grazie a Dio per questi fratelli che hanno avuto questo desiderio, questa visione e, attraverso molti sacrifici il nuovo locale fu dedicato al culto del Signore il 10 aprile 1979.

Dedicazione-Assemblea-(RS)

Dedicazione Assemblea

In tutti questi anni si sono susseguiti cinque pastori, molti fratelli e sorelle sono stati promossi alla gloria, tante anime nuove hanno accettato il messaggio dell’Evangelo tanto che ad oggi (settembre 2014) i membri comunicanti sono quasi 80. Possiamo solo ringraziare Dio, per come negli anni trascorsi è stato fedele, ha sostenuto il Suo popolo ad Aprilia e abbiamo la certezza che Egli continuerà ad operare in questa città.

Solo Egli vuole dei cuori disposti a consacrargli la propria vita, in modo tale da potersene usare per la Sua gloria e per la crescita sia quantitativa, che qualitativa del Suo popolo.
A Dio sia la gloria!