Poiché così aveva detto il Signore, DIO, il Santo d’Israele: «Nel tornare a me e nello stare sereni sarà la vostra salvezza; nella calma e nella fiducia sarà la vostra forza». Ma voi non avete voluto! (Isaia 30:15)

In un periodo particolare della propria storia nazionale, Israele, smettendo di confidare in Dio tornò sui propri passi, verso l’Egitto, un popolo dal quale Dio stesso li aveva liberati. Maledetto l’uomo che confida nell’uomo e fa della carne il suo braccio, e il cui cuore si allontana dal SIGNORE (Geremia 17:5), essi infatti non potevano fare scelta più sbagliata, l’Egitto nonostante la fama che lo circondava non poteva offrire ad Israele la salvezza di cui aveva bisogno; Dio stesso definiva questa nazione apparentemente potente con l’appellativo di “gran rumore per nulla” (v.7).

A volte anche noi potremmo incorrere nello stesso tranello d’Israele; nelle difficoltà potremmo fallire affidandoci a quelle che da un punto di vista umano potrebbero sembrare le soluzioni più veloci ed efficaci, dimenticando Colui che non ci lascerà e non ci abbandonerà mai (Giosuè 1:5). Molto spesso l’apparenza inganna, noi quindi, distogliendo lo sguardo dalle appariscenti soluzioni terrene, vogliamo confidare in Dio, camminando come se vedessimo Colui che è invisibile (Ebrei 11:27)!

Da subito vogliamo abbandonare ogni inutile ansietà e riconoscere nel Signore la via per la nostra salvezza; torniamo a Lui e stiamo sereni, calmi e fiduciosi alla sua presenza. Non è difficile, basta volerlo (v.15b)

Egli ti coprirà con le sue penne e sotto le sue ali troverai rifugio. La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza. Tu non temerai gli spaventi della notte, né la freccia che vola di giorno, né la peste che vaga nelle tenebre, né lo sterminio che imperversa in pieno mezzogiorno. Mille ne cadranno al tuo fianco e diecimila alla tua destra; ma tu non ne sarai colpito. (Salmo 91:4-7)

Chiesa Cristiana Evangelica Aprilia - Nettuno
Assemblee di Dio in Italia | Copyright © 2015
Su
Seguici su:
webdesign: Giovanni De Salvo