“O gente adultera, non sapete voi che l’amicizia del mondo è inimicizia contro Dio? Chi dunque vuol essere amico del mondo si rende nemico di Dio. Ovvero pensate voi che la Scrittura dichiari invano che lo Spirito ch’Egli ha fatto abitare in noi ci brama fino alla gelosia” (Giacomo 4:4,5)?

Dio considera l’amicizia con il mondo alla stessa stregua dell’adulterio, la violazione del rapporto coniugale, l’infedeltà alla promessa di fedeltà! Esagerato?

Cos’è il mondo? Non si intende il globo o pianeta terra sul quale viviamo e neppure gli uomini che lo popolano. Noi siamo chiamati ad amare il prossimo, ad amare i nostri nemici e soprattutto siamo chiamati ad annunciare l’Evangelo nel mondo per la salvezza delle anime (cfr. Marco 16:15-20). L’amicizia col mondo vuol dire avere una relazione con quel sistema di vita che non ha niente a che vedere con Dio, con gli insegnamenti della Scrittura e con la presenza di Dio. Di conseguenza, tralasciare il nostro “patto”, promessa di fedeltà e servizio al Signore per vivere andando nella direzione opposta a Dio laddove non è per niente contemplata la Sua presenza, né Dio è desiderato o adorato … … . I credenti che si lasciano trasportare in tale direzione e che hanno stretto un’amicizia con questo modo di fare contrario a Dio, vengono da Dio considerati “adulteri”, traditori, infedeli, peccatori.

Ad un credente amico del mondo tutto questo può sembrare esagerato. Bene, facciamo un esempio: come ti sentiresti se tua moglie o se tuo marito andasse con un altro uomo o un’altra donna? Ti farebbe piacere la cosa? Per una sola settimana …, facciamo un giorno solo …, cosa sarà mai??? Solo il pensiero di una cosa simile ci irrita, vero? Perché la cosa è diversa quando riguarda Dio?

Allora, come a nessuno di noi farebbe piacere essere traditi, neppure per un giorno, ci vogliamo studiare di non essere degli “adulteri” spirituali, ma di essere fedeli al Signore “ogni” giorno della nostra vita. Egli tanto ci brama che non vuole “assolutamente” dividerci con il mondo; il Signore desidera con noi un rapporto esclusivo (cfr. Marco 12:30).

Se pur frequentando una comunità, hai ripreso a vivere seguendo l’andazzo di questo mondo, l’invito che il Signore ti rivolge è quello di tornare a Lui pentito/a per avere un nuovo inizio con Gesù e non più una doppia vita. “Torna, o infedele Israele, dice l’Eterno; io non vi mostrerò un viso accigliato, giacché io son misericordioso, dice l’Eterno, e non serbo l’ira in perpetuo — O Israele, torna all’Eterno, al tuo Dio! Poiché tu sei caduto per la tua iniquità. Prendete con voi delle parole, e tornate all’Eterno! Ditegli: Perdona tutta l’iniquità, e accetta questo bene; e noi t’offriremo, invece di giovenchi, l’offerta di lode delle nostre labbra” (Geremia 3:12; Osea 14:1,2).

Il Signore ti benedica. Buona giornata. Pace.

Chiesa Cristiana Evangelica Aprilia - Nettuno
Assemblee di Dio in Italia | Copyright © 2015
Su
Seguici su:
webdesign: Giovanni De Salvo